Facciamo Fiorire la nostra scuola! Prime lezione del progetto 2024

CONDIVIDI

Un viaggio nel mondo degli ortaggi, dei fiori e, più in generale, nel mondo della natura. Un viaggio partito dalla scoperta e dalla teoria e che è culminato con la pratica vera e propria, con quello che si suol dire «mettere le mani in pasta», o sarebbe meglio dire, «mettere le mani nella terra».

Questo quanto fatto martedì mattina, il 5 marzo, dagli alunni di prima e seconda elementare dell’Istituto San Vincenzo di Erba che hanno partecipato al progetto del Gruppo Netweek dal titolo «Facciamo fiorire la nostra scuola!”.

L’iniziativa è una costola dei progetti green «Facciamo un orto molto… originale!» e «Facciamo fiorire la nostra Terra!» che il gruppo editoriale sta ormai portando avanti da quattro anni a questa parte e che proprio in queste settimane sta regalando ai lettori dei suoi settimanali locali, grazie anche al sostegno di Novatex, Technoprobe e Center of Garden, una serie di sementi di ortaggi e fiori da coltivare a casa con l’obiettivo di far tornare nelle case degli italiani la passione per la cura del verde.

Un progetto che ormai è sbarcato nelle scuole e che proprio questa settimana ha fatto tappa a Erba, come accennato, all’Istituto San Vincenzo. Infatti, gli alunni di prima e seconda elementare hanno dapprima partecipato, attivamente, alla lezione teorica sostenuta da Dario Nurri, giardiniere appassionato ed esperto conoscitore di flora e fauna. Qui i piccoli studenti hanno appreso l’importanza delle piante e dei compiti che svolgono anche per noi esseri umani, ma anche l’importanza dell’equilibrio tra mondo animale, vegetale e quello dei funghi, ovvero quell’equilibrio che viene comunemente chiamato «ciclo della vita».

Al termine della lezione i 60 piccoli neogiardinieri hanno anche ricevuto un fumetto colorabile e il libretto di Regione Lombardia dal titolo «Mio, tuo, bio» che promuove il rispetto della biodiversità e che l’ente sta distribuendo nelle scuole lombarde.

Dopo la teoria poi si è passati alla pratica. Gli alunni si sono recati nel giardino della scuola dove era già stato predisposto tutto il materiale necessario per la semina: i sacchi di terriccio; i vasetti, offerti dall’azienda Plastecnic con sede a La Valletta Brianza; le sementi, «griffate» Franchi Sementi Spa. Ma, oltre al materiale, hanno trovato anche la guida esperta degli studenti dell’Istituto Professionale per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale della San Vincenzo, che ha sede ad Albese con Cassano.

Così, uno alla volta, i piccoli giardinieri hanno preso la loro terra e l’hanno riposta nel proprio vasetto per poi piantarci i semi che più gli piacevano, dal girasole alla carota, dai fiori per le api alle zucchine, passando per cetrioli, lavanda e tanti altri ortaggi, erbe aromatiche e fiori.

L’obiettivo del progetto, infatti, è fare riuscire a far appassionare i giovani alla natura e instillare in loro un rispetto profondo per essa. Portando a casa il proprio vasetto gli alunni potranno prendersi cura, anche insieme ai genitori, della crescita della pianta scelta e tutti insieme, con anche le insegnanti coinvolte, dovranno gestire una vera e propria serra in miniatura.

Guarda il reel completo

Categorie Articoli

Categorie